It all began in the year 2000 with the purchase of the land and the planting of the vineyards in the San Clemente area, in Rimini. Here's the story of Tenuta Mara.

Il progetto

“L’azienda nasce nel 2007 quando, dopo l’acquisto dei primi tre ettari, sono stati impiantati vigneti, esclusivamente uve Sangiovese, grazie a precise selezioni di massa – afferma Davide Marino, direttore generale della tenuta. Oggi l’azienda conta su 35 ettari di di cui 11 vigneti. Tre sono i vini, il Maramia, il vino di punta della cantina, il Guiry (una sorta di secondo vin bordolese) e, l’ultimo, il Maramato, un vino color rame sempre ottenuto da uve Sangiovese “.

Tutto si basa sulla biodinamica, l’azienda è certificata Demeter e questo si esprime chiaramente fin dall’etichetta dei singoli vini. “Utilizziamo da sempre preparati biodinamici, corno di silice e corno da letame, pratichiamo il sovescio, cerchiamo il più possibile di dare vita alla pianta e apporti energetici al vigneto. Questo porta un equilibrio generale all’ecosistema dell’azienda e la fauna che popola la tenuta è lì a dimostrarlo: dagli insetti agli uccelli è un turbinio di fauna selvatica. Per proteggersi dalle malattie spruzziamo solo zolfo e rame, ovviamente usati a dovere. Le rese per ettaro sono di circa 70 quintali, selezioniamo solo i grappoli migliori, indipendentemente dal vino che produciamo “.

In cantina gli interventi dell’uomo sono minimi, la tecnologia è al servizio delle uve prodotte dalla natura: “Utilizziamo solo lieviti autoctoni, utilizziamo innovazione nelle macchine all’avanguardia di cui siamo dotati, ideali per un’ulteriore selezione dei grappoli – continua Marino Abbiamo un lettore uva, una macchina che stacca i singoli acini e con appositi scanner legge il grappolo e scarta ciò che non ci interessa in termini di qualità. Dalla selezione fatta in vigna scartiamo un ulteriore 20% e questa è l’unica uva che entra in cantina. Poi, a seconda del vino che vogliamo produrre, cambiano i tempi di macerazione, i serbatoi e l’affinamento “.

Scopri di più su Tenuta Mara

I vini

Come già accennato, la cantina produce tre vini, guidati da Maramia2018, Tre Bicchieri per la prima volta nella Guida 2021. “E ‘il vino di punta dell’azienda, come si evince dal nome dedicato alla moglie del fondatore. Fermenta in tini di legno Taransaud e Francois Freres, facendo continui rimontaggi, fino a quattro al giorno, la fermentazione alcolica è spontanea e anche la malolattica non viene indotta. Riposa poi in tini da 20 e 50 ettolitri e, da quest’anno, si è deciso di lasciarlo riposare a lungo in cantina.Il prossimo anno uscirà la vendemmia 2017, che non è stata ancora sul mercato, poi salteremo il 2018, attualmente in vendita, e dal 2019 sarà pienamente operativo. L’idea è di avere un vino in uscita già dotato di una complessità terziaria e che permetta di comprenderne il potenziale invecchiamento. Guiry(soprannome della figlia Elena) vede sia la fermentazione che l’affinamento in tini di cemento ed esce a gennaio, due anni dopo la vendemmia. L’ultima aggiunta è la Maramato . Stiamo per uscire sul mercato con l’annata 2019, (sarà recensita nella prossima Guida dei Vini Italiani, ndr) un Sangiovese frutto di pressatura soffice, dal colore ramato, tendente alla buccia di cipolla. Fermenta in cemento e riposa in tini di legno da 20 a 50 ettolitri. Siamo molto soddisfatti del nostro ultimo prodotto, uscito in circa 10.000 bottiglie “.

Scopri di più su Tenuta Mara

 Tenuta Mara nel mondo

L’azienda attualmente produce 65.000 bottiglie all’anno, ma si presenta sul mercato con una gamma che comprende anche i vini della Masone Mannu, bellissima azienda sarda e gallurese acquisita da Emendatori qualche anno fa. I vini dell’isola puntano sul Vermentino di Gallura, oltre che sui vini rossi e rosati e completano un catalogo che, soprattutto all’estero, riscuote grande successo. Le parole di Davide Marino, alla luce di un 2020 incredibile per quello che sappiamo, sono tutt’altro che negative: “Abbiamo chiuso il 2020 con un bilancio positivo anche rispetto al 2019, grazie agli interventi compiuti fino a marzo e al posizionamento su diversi mercati. L’ottanta per cento dei nostri acquirenti punta su un ordine misto tra Tenuta Mara e Masone Mannu e questo ci dà grande soddisfazione. Gli Stati Uniti non hanno deluso, New York e California in primis ma siamo partiti anche con un nuovo importatore in Florida grazie ad un evento organizzato dal Gambero Rosso. C’è aria di ripresa in Cina e Australia e puntiamo molto sul Nord Europa, con in testa la Danimarca, che è la nazione più vicina al mondo dei vini naturali. Nel prossimo futuro ci sarà una buona ripresa generale e dobbiamo essere pronti per affrontarla. Le sfide sono tante, sia nei mercati ma anche nella filosofia produttiva. Abbiamo l’obiettivo di diventare un nome conosciuto e rinomato nel mondo naturale e abbiamo già segnali positivi: tra 50 anni tutti produrranno vino naturale inteso come prodotto che rispetta il territorio e lo valorizza attraverso un sano lavoro in la cantina. Nei prossimi anni ci saranno novità, una è già uscita, ma – purtroppo o fortunatamente – è già sparito: abbiamo prodotto 500 bottiglie di Maramia in anfora, il nome è Chillea, acronimo di Achille; un vino entusiasmante per noi di cui un importatore danese si è innamorato e li ha acquistati tutti. Piccoli segni che fanno ben sperare … “

 di Giuseppe Carrus